Gaitelgrima, tante donne in un nome legato a Salerno

Gaitelgrima, o Guaidalgrima è un nome di donna longobardo molto legato alla città di Salerno. Tutte le donne che lo hanno portato sono legate alle casate longobarde che regnavano nel sud Italia prima, e poi ai normanni. Gaitelgrima di Capua e Guaimario II La prima Continua a leggere

Condividi

Le Cotoniere di Fratte, e Salerno fu come Manchester

Le Cotoniere di Fratte oggi a Salerno ricordano solo un grosso centro commerciale, l’ennesimo. Nella storia di Salerno, però, hanno avuto un ruolo fondamentale, soprattutto per la sua economia e per l’impatto lavorativo. La città divenne nota in tutta Europa per i suoi tessuti, tanto Continua a leggere

Condividi

Il principe longobardo Grimoaldo che fortificò Salerno

Il Principe Longobardo Grimoaldo III riveste un ruolo fondamentale nella storia di Salerno. Figlio di Arechi II e di Adelperga, nacque nel 763 e morì nel 806. Visse dunque quando sua padre aveva trasferito già la corte a Salerno. Egli era in realtà principe di Benevento, perché all’epoca Continua a leggere

Condividi

La principessa Adelperga, sposa di Arechi II

La principessa longobarda Adelperga rappresenta un’altra mirabile figura femminile per la città di Salerno. Figlia di Desiderio, re dei Longobardi, nacque a Pavia, dove ricevette una accurata educazione a cura di Paolo Diacono, un grande intellettuale dell’epoca. Fu la sposa del grande principe Arechi II, duca di Benevento. Quando Carlo Continua a leggere

Condividi

Vicolo dei Caciocavalli, la strada dai tanti nomi

Vicolo dei Caciocavalli a Salerno e la sua curiosa storia. Una strada, anzi un vicolo, stretto così com’era quando nacque, tra l’antica cinta muraria e quella nuova voluta dal principe longobardo Grimoaldo. Un tuor per la Salerno da vedere dovrebbe necessariamente passare per questo luogo. Continua a leggere

Condividi

Gli ebrei a Salerno, una presenza antica

Gli ebrei a Salerno, una presenza che ha origini antiche. Addirittura fin dal IV secolo data a cui si fa risalire il ritrovamento di una lucerna decorata con una raffigurazione stilizzata del candelabro. Il reperto fu rinvenuto nell’area di una necropoli venuta alla luce in Continua a leggere

Condividi

Il Palazzo di Città di Salerno e l’Augusteo

Il Palazzo di Città di Salerno, sede del Comune, è un’opera che risale agli anni ’30. Rientra in quel generale riassetto urbanistico che in quegli anni, quelli del fascismo, apportò molte modifiche alla città vecchia. Fu quel periodo, tra le due Guerre Mondiali, di una Continua a leggere

Condividi

La Scuola Medica Salernitana

La Scuola Medica Salernitana rappresenta e rappresenterà sempre il maggior vanto della città di Salerno. Ci sono volumi e volumi dedicati a questo argomento, e non è certo questo il luogo dove poter spiegare tutto. Parliamo di una storia che ha va da IX al Continua a leggere

Condividi

Il pirata Barbarossa, l’assedio di Salerno e San Matteo

Il pirata Barbarossa e l’assedio di Salerno. Questo è un episodio chiave nella storia di tutta la città di Salerno. Evento importante anche per la storia delle devozione che i salernitani hanno per San Matteo. Barbarossa non era un pirata Partiamo subito col dire che Barbarossa, vero nome Khayr al-Dīn Continua a leggere

Condividi

L’Orto Agrario di Salerno, la sua storia

Dell’Orto Agrario di Salerno oggi restano solo flebili tracce. Un lungo muro in Via Vernieri e basta. Al suo posto, negli anni ’50, fu costruito l’istituto Genovesi. Ma che cosa era l’Orto Agrario di Salerno? Si trattava di un grande giardino, o meglio un vero e Continua a leggere

Condividi