Conservatorio Ave Gratia Plena Salerno, l’Annunziatella

Il Conservatorio Ave Gratia Plena Minor a Salerno, questo è il nome completo, è meglio conosciuto da molti salernitani come l’Annunziatella.

È quel complesso che si vede sulla destra salendo per via dei Canali. Una struttura enorme che merita di essere inserita nel percorso della Salerno da vedere. Si trova a poca distanza dal complesso di San Pietro a Corte e da Palazzo Fruscione.

Il conservatorio fu istituito nel 1698. Gli edifici preesistenti furono parzialmente abbattuti e ristrutturati: i lavori si conclusero nella prima metà del XVIII secolo.

A che cosa serviva?

Fu la sede definitiva del ricovero per … le fanciulle povere, vergini e di honesta famiglia che non si possono mantenere nelle loro case senza gran pericolo dell’honore …

Istituzione voluta nel 1650 dal domenicano Andrea di Sanseverino.

Il conservatorio non fu mai trasformato in clausura. Le giovani donne ospitate, però, dovevano sottostare a severe leggi.

Demolire per fare spazio

Fu necessario demolire molte strutture per dare respiro all’ingresso del Conservatorio Ave Gratia Plena Minor a Salerno: una parte del palazzo Prignano e la chiesetta medioevale di S.Matteo Piccolo.

L’antica edificazione presentava un quadriportico aragonese con colonne in pietra vesuviana, che con i lavori di ristrutturazione furono coperte.

Nel convento, dagli inizi del ‘900, furono ospitate anche donne anziane ed inferme.

La struttura fu danneggiata gravemente durante il terremoto dell’Irpinia. Quindi al seguito del restauro nel 2003, è divenuto ostello per la Gioventù (facente parte del Circuito Internazionale Hihostels).

Nel sottosuolo

Nell’atrio d’ingresso degli scavi hanno portato alla luce, ad un livello stradale inferiore a quello settecentesco, resti di un’abside. Si trovano tracce di affreschi altomedioevali, databili all’XI secolo, probabilmente appartenenti alla demolita chiesa di S. Matteo Piccolo.

La chiesa dell’Annunziatella

Il 28 maggio 1758 fu inaugurata la chiesa. Le fanciulle ricoverate nel conservatorio potevano accedervi direttamente dal secondo piano attraverso un ingresso appositamente realizzato.

La facciata, delicatamente ornata da motivi decorativi bianchi su fondo giallo ocra, presenta un bel portale in pietra. In alto è visibile anche lo stemma del conservatorio.

L’interno, elegantemente decorato con stucchi barocchi, si presenta ad unica navata con cappelle laterali.

Nel 1946 la chiesa assunse il titolo S. Andrea dell’Annunziatella, in quanto vi fu trasferita la parrocchia di S.Andrea de Lama.

 

 

Condividi
ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish