Giacinto Vicinanza da Salerno, eroe della Grande Guerra

Giacinto Vicinanza da Salerno, al quale in città sono intitolate le Scuole su Corso Garibaldi e una strada, è un eroe della Grande Guerra.

Vicinanza trovò la morte in combattimento il 28 giugno del 1916 a San Martino del Carso.

Tra il 1910 e il 1912 come ufficiale fu in Africa, dove conquistò una medaglia d’argento e una di bronzo al Valor Militare. Tornato in patria, come capitano assunse il comando della V Compagnia del 47° Reggimento Ferrara. Quella Compagnia, insieme alla VI, fu scelta per assaltare una forte trincea austriaca posta nell’antico villaggio di San Martino. L’assalto gli fu fatale, ma Giacinto Vicinanza da Salerno si distinse per valore e ardimento. Anche se ferito continuò a combattere e a incitare i suoi, fino a quando fu falciato da una raffica di mitra. La trincea fu conquistata e gli fu dato il suo nome. Si distinse a tal punto che fu insignito della Medaglia d’oro al Valore Militare.

Giacinto Vicinanza da Salerno, Capitano 47° reggimento “Ferrara” 29a divisione della 5a compagnia

Data del conferimento: 22/07/1916

Alla memoria

motivazione:

Alla testa della sua compagnia, attaccava, con slancio ammirevole, una forte trincea nemica; conquistatala, sebbene restasse ferito, piuttosto gravemente ad un fianco, continuava ad incitare i suoi soldati a strappare al nemico tutta intera la posizione. Nel momento poi, in cui raggiungeva l’intento, cadeva nuovamente e mortalmente ferito, e, prima di spirare, dava disposizioni per evitare che il micidiale fuoco nemico, che colpiva sul fianco sinistro la sua compagnia, avesse i suoi terribili effetti. San Martino del Carso, 28 giugno 1916.

Dal diario di un soldato dell’epoca

Il 27 il 1° Battaglione ebbe il cambio da noi, e la mia Compagnia occupò un posto avanzato sul San Martino. Questo posto avanzato lo chiamavano “Vicinanza”, causa che a quel posto era morto un bravo Capitano, in un momento che incitava i suoi soldati all’assalto, e per una ricordanza del suo nome fu chiamato “Vicinanza”, così era il suo cognome

Condividi
ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish