Il Giardino della Minerva a Salerno

Il Giardino della Minerva a Salerno è uno dei luoghi simbolo della città, della Salerno da vedere. Si trova nella una zona denominata nel Medioevo “Plaium montis”, ai piedi del monte Bonadies sul quale sorge il Castello Arechi. Ci si arriva in vari modi, quello consigliato è percorrendo via Tasso, dove si avrà modo anche di vedere gli antichi palazzi signorili, tra cui Palazzo Conforti Palazzo Ruggi d’Aragona.

Diciamo subito che il pregio del Giardino della Minerva a Salerno, è innanzitutto la posizione. se ci chiedessero cosa vedere a Salerno, non ci sarebbero dubbi.

Dalle sue terrazze è possibile avere una vista bellissima sulla città. C’è poi tutta la storia legata alle piante officinali, utilizzate dalla Scuola Medica Salernitana. Il silenzio e lo scorrere dell’acqua nelle canalette di irrigazione sono poi un sottofondo rilassante e riposante, soprattutto dopo l’ascesa lungo via Tasso.

Anche chi non è appassionato di botanica, troverà poi il modo di apprezzare le numerose specie di piante presenti, alcune anche molto rare ai nostri giorni. L’ingresso è a pagamento, ma il costo è irrisorio se si pensa a come è ben tenuto il luogo e a quanto costi mantenere un giardino del genere. Unico neo, almeno d’estate, è la presenza massiccia di zanzare, ma anche questo è naturale.

Il Giardino della Minerva a Salerno creato nel XIII secolo

Il “viridario” fu proprietà della famiglia Silvatico sin dal XII secolo, come testimonia una pergamena conservata nell’archivio della Badia di Cava de’ Tirreni. In seguito, nel primo ventennio del 1300, il maestro Matteo Silvatico, vi istituì un Giardino dei semplici, antesignano di tutti i futuri Orti botanici d’Europa. I medici della Scuola Medica insegnavano agli allievi a riconoscere i “semplici”, le piante utilizzate per curare le malattie. Il Giardino medioevale, nel corso di una recente campagna di indagini archeologiche, è stato rinvenuto a circa due metri di profondità sotto l’attuale piano di calpestio.

Costruito lungo le mura della città

Il Giardino della Minerva a Salerno fu costruito seguendo le mura di difesa dell’antica città. La scala, che permette di passare da un terrazzamento all’altro, è infatti costruita proprio sulle mura. Un complesso sistema di distribuzione dell’acqua, composto da canalizzazioni, vasche e fontane, denota la presenza di fonti cospicue che hanno permesso, nei secoli, il mantenimento a coltura degli appezzamenti. All’interno del complesso sono presenti anche una tisaneria, una biblioteca e una sala conferenze. Questi locali si trovano all’interno di Palazzo Capasso, antica residenza dei Silvatico, che del giardino è ormai parte.

 

Per saperne di più, è possibile visitare il sito ufficiale del giardino: www.giardinodellaminerva.it

Condividi