Matteo Luciani sindaco di Salerno, volle il Teatro Verdi

La costruzione del Teatro Verdi a Salerno, la dobbiamo a Matteo Luciani sindaco di Salerno, il primo eletto dopo l’unità d’Italia.

Fu sicuramente una delle figure che ha fatto tanto per la città, ma anche con delle contraddizioni. Entrò in conflitto con il clero perché era contrario alla processione di San Matteo.

Figlio di Gregorio, medico, e di Vittoria de Cositore, nacque il 23 gennaio 1812. Di professione era anche lui medico come suo padre.

Per poco meno di un quarto di secolo fu il dominatore della vita amministrativa della città. Fu Sindaco per decreto prefettizio del 24 dicembre 1861.  Volle la realizzazione di fontane e giardini, l’illuminazione a gas delle strade, l’apertura del corso Vittorio Emanuele e l’edificazione del teatro Verdi. Fu posto termine alla sua esperienza per dissapori con il prefetto e per l’ostilità del clero, con il quale entrò in conflitto per il suo atteggiamento contrario alla processione di san Matteo.

La processione di San Matteo era da tempo soppressa. Il 4 settembre 1869, al prefetto, che gli chiedeva la sua opinione sul ripristino, scriveva che: la completa separazione tra le solennità civili e le religiose è un fatto ormai entrato nelle abitudini di questa popolazione, la quale da vari anni è avvezza a veder queste ultime non estendersi al di là del recinto dei templi, dove gli atti di culto devono avere la propria sede.

tomba di matteo luciani

 

Condividi
ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish