palazzo barone a salerno

Palazzo Barone a Salerno, una moderna antichità

Palazzo Barone a Salerno, è una sfida ai visitatori e agli stessi salernitani. Quanti, vedendolo, hanno sempre pensato che si trattasse di una costruzione medievale? Crediamo moltissimi. Tra le cose da vedere a Salerno c’è sicuramente anche questo palazzone.

L’aspetto di questo maestoso edificio che affaccia sul Porto, ha sempre suscitato curiosità. L’architettura appariscente, dà l’impressione di essere una magnifica conservazione, magari ristrutturata, di un palazzo medievale. In pochi scommetterebbero che invece si tratta di una costruzione degli anni ’20 del ‘900. Salerno da vedere è anche questo, però, perché in realtà le sue decorazioni sono tutto un inno alla storia della città.

Nei giorni di Salerno Capitale l’edificio fu la sede del Ministero degli Esteri. Oggi, manco a dirlo, ospita un Bed & Breakfast.

palazzo barone a salerno

La famiglia Barone a Salerno

Barone erano una nobile famiglia di notai e uomini di legge, la loro presenza nel salernitano è attestata sin dall’alto medioevo nella valle dell’Irno dove è documentato il possesso di feudi in Baronissi e Salerno. Negli anni trenta del Novecento, Antonio Barone, facoltoso imprenditore e colto letterato, caratterizzò il paesaggio urbano con la costruzione di un’eccentrica Villa sulla via Benedetto Croce.

palazzo barone a salerno

Palazzo Barone a Salerno: un progetto mirabolante

A Metà degli anni ’20, il cav. Antonio Barone affida all’arch. Matteo D’Agostino, supportato nella componente strutturale dall’ing. Mario Siniscalchi, la realizzazione del progetto. L’idea portante per la nuova costruzione, era la realizzazione di un edificio a destinazione promiscua, si scrive nell’istanza “da adibirsi ad albergo o civili abitazioni”. La scelta più bizzarra fu quella di utilizzare uno stile medievale, quando il mondo dell’architettura andava verso forme essenziali e moderne.

palazzo barone a salerno

Un inno alla storia di Salerno

Un itinerario a Salerno non può prescindere da una visita a questo luogo. Il Cav. Barone, pose particolare attenzione alle decorazione del palazzo, perché voleva che ogni elemento ricordasse la storia di Salerno, dalle colonne agli stemmi, alle sculture.  I leoni posti a decoro del portale d’ingresso sono un chiaro rimando alla Porta dei Leoni della Cattedrale di San Matteo; gli archetti della loggetta rimandano agli archi intrecciati del normanno Palazzo Fruscione; gli archi a sesto acuto sono un richiamo fortissimo alla tradizione islamico-bizantina molto presente nei vicoli del Centro Storico.

palazzo barone a salerno

 

 

Condividi