Papa Gregorio VII a Salerno in esilio. Un altro santo che protegge la città

Papa Gregorio VII a Salerno arrivò al seguito del Duca Roberto il Guiscardo e della Principessa Sichelgaita dopo il sacco di Roma.

L’imperatore Carlo IV, scomunicato dal Papa, entrò trionfalmente a Roma nel 1084, costringendo Gregorio a barricarsi a Castl Sant’Agelo. Il pontefice chiamò in suo aiuto il Guiscardo. Avutene notizia l’imperatore, che temeva la potenza del normanno, si allontanò da Roma. Le truppe normanne,  7.000 cavalieri e 30.000 fanti, entrarono a Roma e liberarono il pontefice. Però i soldati del duca d’Altavilla devastarono e saccheggiarono completamente l’Urbe. Il rapporto già labile tra il Papa e romani si ruppe del tutto, e Gregorio fu costretto all’esilio a Salerno.

L’ingresso trionfale del Guiscardo a Salerno, con i carri pieni del bottino portato da Roma, e con il Papa, esibito quasi come trofeo di guerra, controbuì ancora di più a rendere epica la sua figura. La sua forza era temuta in tutto il mondo, e anche l’imperatore aveva preferito scappare invece di affrontarlo.

Papa Gregorio VII a Salerno

Gregorio VII trascorse gli ultimi anni della sua vita a Salerno, dove consacrò la Cattedrale e verso la fine dell’anno convocò il suo ultimo concilio, in cui rinnovò la scomunica contro Enrico IV e Clemente III, l’antipapa eletto dall’imperatore. Il 25 maggio 1085 Gregorio morì. Fu sepolto in abito pontificale in un sarcofago romano del III secolo. Sulla sua tomba fu scolpita la frase: Ho amato la giustizia e ho odiato l’iniquità: perciò muoio in esilio. Fu canonizzato nel 1606 da Papa Paolo V. Salerno, oltre San Matteo, può annoverare anche San Gregorio VII tra i suoi protettori e patroni.

Perchè era in lotta con l’imperatore

Gregorio VII, nato Ildebrando di Soana (Soana, 1010/1020 – Salerno, 25 maggio 1085), è stato il 157º papa della Chiesa cattolica dal 1073 alla morte.

Gregorio fu il più importante fra i papi che nell’XI secolo misero in atto una profonda Riforma della Chiesa, ma è noto soprattutto per il ruolo svolto nella lotta per le investiture, che lo pose in contrasto con re Enrico IV.

A questo link è possibile approfondire i motivi di contrasto tra Gregorio VII e l’imperatore Enrivo IV

 

Condividi